“Orion,  Museo multimediale dello Stretto” è un progetto promosso dall’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, per iniziativa della Soprintendenza del Mare in collaborazione con l’associazione culturale “Athanasius Kircher”.

Iniziative direttamente promosse Cap. 376528, esercizio finanziario 2017. Progetto “Lo Stretto di Messina, mito, arte e memoria”: costruzione di un laboratorio multimediale per il recupero di un’identità culturale.  CUP G77H17001330002 CIG ZA720A5247
LogoRegione
soprintendenzadelmare
kircher1

“Il documentario ‘Lo Stretto di Messina, un luogo nel mito’ e il museo virtuale Orion sono progetti innovativi di particolare valore, finalizzati a diffondere la conoscenza di questo paesaggio culturale unico al mondo, da sempre crocevia di popoli e fonte di  ispirazione di miti e racconti in una trama di narrazioni densa di memorie e di risonanze. Una rivisitazione dei miti dello Stretto in chiave divulgativa promossa per iniziativa del Centro Regionale per l’inventario e la documentazione grafica, fotografica audiovisiva della Regione siciliana e dalla Soprintendenza del mare per esplorare il vasto repertorio di narrazioni  e leggende della tradizione siciliana dall’antichità ad oggi. Due produzioni  per rilanciare e valorizzare, attraverso la forza del patrimonio culturale e paesaggistico,  un luogo nevralgico del Mediterraneo, un ponte tra l’Europa e la Sicilia che oggi più che mai potrà costruire il suo futuro riscoprendo le radici profonde della propria tradizione culturale”.


Carlo Vermiglio

Già Assessore Regionale dell’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana

“Lo Stretto di Messina è un tratto di mare particolare. Non c’è solo concretezza materiale ma c’è anche concretezza spirituale. Come il resto della Sicilia, lo Stretto è costellato di miti, di leggende, di luoghi che hanno dato adito a poeti, a scrittori, a tradizioni, dalle età più remote fino a quel poema moderno che è l’Horcynus Orca. Questi miti, queste leggende, hanno contribuito a scrivere delle pagine inconfondibili di storia, di letteratura ma anche di mito. Quindi è un’area estremamente interessante da molti punti di vista. Perciò, quando mi è stata proposta questa iniziativa l’ho sposata immediatamente come direttore della Sovrintendenza del Mare perché conoscevo da archeologo e da storico la ricchezza del mito nella zona dello “Scill’e Cariddi, per dirla con Stefano D’Arrigo, ma anche perché conoscevo l’ideatore del progetto, Sergio Palumbo, che nella sua lunga e corposa carriera di operatore culturale ha sempre avuto un filo conduttore: quello dell’amore per la sua città e per il suo territorio, Messina e lo Stretto di Messina. Palumbo ha voluto raccogliere tutto ciò che riguarda questo microcosmo ambientale e culturale mediante un singolare museo multimediale. Uno dei compiti della Sovrintendenza del Mare da quando è stata creata non è solamente di cercare sui fondali cimeli e oggetti da recuperare e da studiare e da portare poi nei musei ma pure di valorizzare la storia, la letteratura e il mito connessi con il mare. Siamo pertanto felicissimi di poter catalizzare le risorse del territorio attraverso progetti come il dvd per le scuole “Lo Stretto di Messina, un luogo nel mito” e il Museo virtuale “Orion”.
E consentitemi di chiudere con una visione suggestiva dello Stretto citando un poeta, Bartolo Cattafi. «Correnti marine, venti, vortici, leggende e terrori sono simboli di come la natura dia intensità drammatica, alone di avventura e confini non misurabili a questo braccio di mare. La breve Fata Morgana assai di rado, nelle giornate di caldo e di gran calma, meravigliosamente ravvicina agli occhi dei reggini, come attraverso una lente, la costa siciliana. Riavvicinamento precario, sospeso a una favola dell’atmosfera, a un’opera di magia”.


Sebastiano Tusa

Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana